CEUQ
Menu
RINNOVATO IL CONTRATTO DEGLI STATALI

RINNOVATO IL CONTRATTO DEGLI STATAL…

  TESTO INTEGRALE CCNL 2...

Malattia e visite fiscali: orari e nuove regole 2018

Malattia e visite fiscali: orari e …

Cambiano le regole per le...

Ricostruzione Di Tullio CEUQ Ritardi inaccettabili

Ricostruzione Di Tullio CEUQ Ritard…

Durante la visita nei ter...

CONFERMATA LA RSU CEUQ ALL'AGECONTROL

CONFERMATA LA RSU CEUQ ALL'AGECONTR…

LA CEUQ PARTECIPA AL COMI...

ENBAS mette a disposizione delle aziende aderenti i fondi versati mensilmente all’Ente

ENBAS mette a disposizione delle az…

Aderire all’ente bilatera...

La CEUQ al Ministero delle Politiche Agricole

La CEUQ al Ministero delle Politich…

Nella giornata del 6 lugl...

La Ceuq a fianco dei lavoratori dell’Ex Novelli

La Ceuq a fianco dei lavoratori del…

EECPRESS - Il Presidente ...

Bando Servizio civile: Toscana per 2129 giovani

Bando Servizio civile: Toscana per …

Il servizio civile non è ...

Prev Next

Pil, l'Ue lima le stime di crescita dell'Italia: +0,9%, deficit al rialzo

Pil, l'Ue lima le stime di crescita dell'Italia: +0,9%, deficit al rialzo

Il Pil italiano crescerà dello 0,7% quest'anno, dello 0,9% nel 2017 e dell'1% nel 2018. Lo stima la Commissione europea

Il Pil italiano crescera' dello 0,7% quest'anno, dello 0,9% nel 2017 e dell'1% nel 2018. E' Quanto stima la Commissione europea nelle sue Previsioni economiche. Il rapporto fra deficit e Pil sara' pari al 2,4% quest'anno e l'anno prossimo e salira' al 2,5% nel 2018.

Per una stabilizzazione del debito pubblico italiano occorrera' attendere il 2018: secondo la Commissione europea, il rapporto fra debito e Pil sara' pari al 133% quest'anno, per salire l'anno prossimo al 133,1% e rimanere tale anche nel 2018.

La Commissione prevede inoltre un peggioramento del deficit strutturale nei conti pubblici italiani: se il dato e' stiato all'1,6% del Pil quest'anno, salira' al 2,2% nel 2017 e al 2,4% nel 2018. "L'elevata dipendenza dalle entrate una tantum per finanziare le misure espansive previste nel documento programmatico di bilancio 2017 contribuisce a un deciso peggioramento dell'equilibrio strutturale nel 2016 e 2017".

La fine degli incentivi per le assunzioni prevista dal jobs act per la fine di quest'anno frenera' l'aumento dell'occupazione in Italia a partire dall'anno prossimo. "Poiche' gli incentivi scadono alla fine del 2016, la crescita dell'occupazione diminuira' nel 2017 e 2018", si legge nel capitolo dedicato all'Italia. L'aumento dell'occupazione di quest'anno e' stimato all'1,2%, per scendere allo 0,7% nei prossimi due. Quanto al tasso di disoccupazione, il 2016 dovrebbe chiudersi con l'11,5%, che scendera' all'11,4% l'anno prossimo e all'11,3% nel 2018.

 

Tratto da: http://www.affaritaliani.it/ 
Torna in alto

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.